Virginio Pantano – Rip

5 maggio 2017

Fratello Virginio

Bella fratè, ma che fai lì, steso? Arzete che me te stai a ‘mpigrì. E che te credi, d’avé tirato l’urtima freccia? Ma guardete ‘ntorno, c’hai tutto ‘sto spazio infinito e nun n’approfitti? Daje su, pija arco, frecce e movite. E giacché ce sei, sta ‘n campana, ascorta quanno che senti bussà a la porta, potrebbe esse uno de noi; vaje ‘ncontro, faje strada, allenate collui, che prima o poi a freccia giusta la trovi.

Io già melo’mmagino, anzi, proprio lo vedo il giorno che s’aribeccamo tutti,… Ma ce lo sai che tiro alla bandiera mettémo su co sto campo ch’è na meravja? Che te dicheno San Sebastiano e Crispino giudici di gara? Me sa che te va bene, loro de frecce se ne ntenneno. Tocca solo sta attenti a nun abbucà troppe nuvole che sinnò er Padron de casa… se semo capiti!… Si poi avesse propio da succede vorrà dì che je domannamo scusa. Ma tanto so sicuro che Lui a vedecce lì, contenti e tutti insieme, nun se la pija mica. Magara si ce riesce bona, Je chiedemo de poté ffa na sfida co’ queli ai piani di sotto, Che dici, ce stai? Ahò, allora principia a preparà er campo che , uno pe’ vorta,….. mò arivamo!

                            Fratello Genesio,               A nome degli arcieri…. Tutti!

La LAM esprime alla famiglia di Virginio il proprio dispiacere per la perdita subita.
Le più sentite condoglianze dalla Presidenza, Segreteria e Consiglio direttivo della LAM tutto.

 

 

 

il saluto